MARCIANO ARTE
SALVATORE EMBLEMA 90x100 1979
MARCIANO ARTE - Emblema Salvatore : SALVATORE EMBLEMA   90x100   1979

GIULIO CARLO ARGAN (dall’“Espresso” del 22 aprile 1979) : “DIPINGERE? MEGLIO DETESSERE”.
La bella mostra di Emblema, nella villa Pignatelli a Napoli si deve al soprintendente Raffaello Causa ed è un atto di giustizia che la critica intelligente doveva ad un pittore campano ormai cinquantenne, del quale non può dirsi davvero che sia stato profeta in patria. Del resto non a Napoli si è formato, ma viaggiando in Europa e in America e lavorando per due anni vicino a Rothko, uno dei grandissimi della pittura del secolo.
Ne seguita il discorso ragionato sull’essere-in-sé del quadro e cioè non sul messaggio ma sull’intrinseco della pittura. Il quadro è sempre schermo, ma non più schermo di proiezione. Interrompe col suo piano l’unità dello spazio e, imponendo una pausa e un momento di oggettivazione, la continuità del tempo. Non sopportandolo, Fontana ha risolto il problema da schermidore, a colpi di punta e di taglio. Emblema lo affronta con pazienza e umiltà di artigiano sfilando la tela e diradando la superficie, gravando contemporaneamente la mano sulla rude carpenteria del telaio.
Fino a questo punto la ricerca rientra, a suo modo, nella casistica abbastanza diffusa del rapporto superficie-supporto; ma il dilemma del mezzo e del messaggio, del quod significat e quod significatur non si risolve con atti di scelta, implica la compenetrazione o l’osmosi dei due termini, e questa operazione ha la durata dell’operazione artigianale, rovesciata, del detessere. Anche per Rothko, il quadro non era una cosa dentro lo spazio, ma un generatore o un’emittente di spazio: più illuminante che illuminato, dacché non si riduce la metafisica dello spazio se non intendendolo, fenomenologicamente, come luce. Sfilando la tela, lo schermo diventa filtro e permette al pittore, mentre fenomizza la luce, di dosarne l’effusione e la vibrazione con I’arpeggio delicato dei fili.
L’alterità, allora, non è più tra superficie e supporto, quadro e spazio, ma tra trasparenza e opacità: i due termini a cui Philippe Junod, nell’ottimo saggio «Trasparence et Opacité» (1976) ha in sostanza costretto l’antitesi soltanto fittizia di impressionismo e simbolismo, al tempo stesso proponendo una lettura nuova e diversa, quanto mai suggestiva, della teoria della visibilità del Fiedler. È trasparenza la mimesis o rappresentazione, che distingue tra realtà e apparenza ricercando la prima sotto la seconda; è opacità la poiesis, il cui significato non va oltre la fisicità della materia e del gesto del fare. Senonché, non potendosi prescindere dallo spazio e dal tempo senza assurdamente prescindere dall’esistenza, nello stesso momento in cui cessa di essere piano di proiezione e di avere una dimensione metafisica, il quadro diventa una trappola che trattiene con la luce lo spazio e il tempo. Il lavoro di detessitura è appunto una lenta destrutturazione dello schermo per recuperare la trasparenza dall’opacità svelando la spazialità interna della materia prima della pittura, la tela. Non essendo più rappresentativo, il quadro è oggetto simbolico; e, come osserva Junod a proposito della dualità di impressionismo e simbolismo, «il simbolo è l’equivalente funzionale dello schermo». Anche per Rothko il quadro doveva essere il luogo dove spazio e tempo, unificati, erano ad un tempo interamente simbolici e interamente visibili.
Un altro punto è importante: non si può fare un discorso serio sulla pittura seguitando a dipingere. Il lavoro di Emblema è pittura non dipinta. Però il discorso sulla pittura non può eludere la presenza del colore e della luce. In alcuni quadri del ‘66 fasce di colore opaco incorniciavano il trasparente della tela, solidarizzando con il telaio; nei più recenti, una tinta rada e spenta intride la tela, s’immedesima con la sua grana. Nessuna ambizione, dunque, di dimistificare la pittura o di sciogliere la sua ambiguità di fondo, per cui volendo creare si fa il contrario, si imita; all’opposto, praticando un lavoro manifestamente manuale e non-creativo, risalendo e diradando la materia si ritrova la luce, lo spazio, il tempo, la forza significante e non traslata del simbolo.
Contestando il dualismo e scoprendo una possibile coesistenza di trasparenza e opacità, Rothko aveva raggiunto una delle posizioni più avanzate nella ricerca moderna. Senza pretendere di superarlo, Emblema ha riaperto all’interno di quella sintesi un processo di analisi: il suo principale interesse, oggi, sembra quello di mostrare che non tutti i quadri sono dipinti, il quadro è ciò che si cerca attraverso il mezzo della pittura e non significa se non la propria esistenza oggettuale, è simbolo di se stesso. La soglia storica della pittura è probabilmente stata raggiunta da un pezzo; ma indubbiamente ci sono ancora dei problemi che trovano la loro soluzione, l’unica possibile, nella dimensione spazio-temporale del quadro.

pagina 1 di 14
Vai all'inizioPrecedenteAltre funzioniSuccessivoVai alla fine

Altre Funzioni
- Visita esposizioni correlate  
- Visita direttamente la pagina  

Scheda Autore   Visualizza la Scheda dell'Autore

Descrizioni Pulsanti
Per muoverti tra le diverse pagine dell'esposizione puoi cliccare direttamente sui pulsanti della console di navigazione, oppure puoi agire direttamente sulla tasiera utilizzando i tasti associati ai singoli comandi.
 Apre la prima pagina dell'esposizione (tasto Inizio/Home)
 Torna indietro di una pagina (tasto Freccia Sinistra o Pagina Su)
 Va avanti di una pagina (tasto Freccia Destra o Pagina Giu)
 Apre l'ultima pagina dell'esposizione (tasto Fine/End)
 Apre questa pagina

Chiudi 

Chiudi