eSquare
  “UMANO DIVINO”- il Museo Omero a Praga
Gabriella Papini
info@gabriellapapini.com
www.museoomero.it
 
Data di Pubblicazione martedì 4 novembre 2008

Quando dal 18 Novembre al 31 Gennaio 2009
Orari dal martedì al sabato, 9 - 13, 15 - 19; domenica: 16 - 19,30. Chiusura: lunedì
Dove Istituto Italiano di Cultura - Praga


Il Museo Omero, unico museo tattile statale in Italia e modello internazionale nell’educazione artistica per minorati della vista, “tocca” un’altra grande capitale europea: Praga. Sarà la città d’oro ad ospitare - nella splendida chiesetta palatina dell’ex Ospedale degli Italiani sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Praga, un’ampia parte della collezione del Museo all’interno del progetto espositivo Umano Divino, fortemente voluto dall’Ambasciatore d’Italia a Praga, Fabio Pigliapoco. La rassegna raccoglie oltre venti sculture, fra le riproduzioni e gli originali del Museo Omero, (che tracciano un rapido excursus storico da Fidia, a Michelangelo, a Bernini) ed alcune opere dell’artista non vedente Felice Tagliaferri, opere legate tra loro dalla direttrice di significato contenuta nel titolo.
“Umano Divino sono infatti due categorie distinte che in molte opere d’arte trovano contatti e contaminazioni significanti” - sottolinea il curatore architetto Massimo Di Matteo, spiegando il perché delle scelte e del percorso espositivo. Nell’arte greca antica, Umano e Divino si confondono in un unico modello di proporzioni armoniche (Apollo Strangford - Poseidone), il Tempio (Partenone) è dimora del Dio costruita dall’uomo; nell’occidente cristiano la rappresentazione centrale dell’arte sacra è il dolore umano inserito nel disegno divino di redenzione (Pietà di San Pietro e Pietà Rondinini di Michelangelo). Nell’esperienza mistica, Umano e Divino tendono ad incontrarsi tramite un percorso irrazionale (Satiro di Mazara del Vallo) o tramite l’estasi (Estasi di Santa Teresa, Gian Lorenzo Bernini, San Francesco, di Vittorio Morelli). “Nel linguaggio contemporaneo- conclude Di Matteo- le figure pregne d’umanità di Tagliaferri (dolci, sfumate, carnali, drammatiche come Maternità, Uomo che imita i cavalli), ci parlano del mistero della vita.”A Praga anche Il Satiro Danzante di Mazara del Vallo, dal progetto “Conoscere la Forma”: una perfetta copia della splendida scultura attribuibile al Prassitele, ritrovata nel Canale di Sicilia nel 1997 che l’Azienda iGuzzini ha rivisitato, in collaborazione con il Laboratorio di Fisica dell'Istituto Centrale per il Restauro di Roma e con l’apporto scientifico del Museo Omero, riuscendo così ad offrirne differenti ed emozionanti chiavi di lettura. La collaborazione tra Museo Omero e iGuzzini aveva già portato “Il Satiro Danzante” nel 2007 al Museo del Louvre in occasione della mostra “Praxiteles”. Tutte le opere in mostra potranno essere esplorate tattilmente grazie alla collaborazione con la Galleria Nazionale del Palazzo delle Esposizioni di Praga e saranno supportate da ausili didattici audio e Braille, realizzati dalla SONS (Associazione nazionale corrispondente dell’Unione Italiana dei Ciechi ed Ipovedenti). La rassegna, che sarà inaugurata il 18 novembre e si protrarrà fino al 31 gennaio 2009, è promossa dall’Ambasciata d’Italia a Praga, Istituto Italiano di Cultura di Praga e dal Museo Tattile Statale Omero che ne cura la realizzazione. Con il contributo della Presidenza del Consiglio Regionale delle Marche, della Giunta Regionale Marche della Camera di Commercio di Ancona, del Birrificio Cerna Hora, e con il patrocinio della Provincia di Ancona e del Comune di Ancona. All’esposizione di Praga, realizzata anche grazie a Lucesole Trasporti, Unipol Assicurazioni, ed Etna, distributore iGuzzini in Repubblica Ceca, verrà abbinata una serata enogastronomica organizzata dall’Accademia dello Stoccafisso per far conoscere uno dei principali piatti della tradizione anconetana. Hanno detto: “Quella del Museo Omero è un’eccellenza di Ancona - ha commentato l’Ambasciatore Pigliapoco - che sono fiero di presentare a Praga. Sarà l’evento dell’anno, alla cui inaugurazione certamente parteciperà il Ministro alla Cultura della Repubblica Ceca oltre al Sindaco di Ancona Fabio Sturani e molti esponenti delle istituzioni ceche e italiane, oltre al direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, Umberto Rinaldi”. Verrà dato - ha proseguito - il massimo risalto all’evento promuovendolo anche nelle scuole e nelle accademie perché sia fruito non solo dai non vedenti, naturalmente, ma da tutti.” L’esposizione di Praga “corona gli sforzi compiuti per fare conoscere un’istituzione unica”- sottolinea il Presidente del Museo Omero Roberto Farroni - “che può contribuire ad accrescere in ogni paese la sensibilità per una cultura senza barriere”.


The Museo Omero, the only state tactile museum in Italy and an international example of art education for the visually handicapped, “touches” another great European capital: Prague. In the splendid Palatine chapel of the former Ospedale degli Italiani, seat of The Italian Cultural Institute of Prague, the city of gold will host a large part of the Museum collection in the Umano Divino exhibition, a project championed by Fabio Pigliapoco, the Italian Ambassador in Prague. More than twenty sculptures from the Museo Omero’s collection of original works and casts (which offer a brief history of sculpture from Phidias to Michelangelo, to Bernini) will be on display, along with selected sculptures by the non-sighted artist Felice Tagliaferri, works linked by the line of meanings contained in the title.
As the architect Massimo Di Matteo, exhibition curator, points out when explaining the reasons behind the selection and lay-out of the works, “The Human and the Divine are two distinct categories which find significant points of contact and cross-fertilization in many works of art.” In Ancient Greek art, the Human and the Divine are merged in a single model of harmonious proportions (Strangford Apollo, Poseidon), the Temple (Parthenon) is a dwelling-place for a God constructed by man; in western Christianity the main theme represented in sacred art is human pain as part of the divine plan of redemption (Pietà di San Pietro and Pietà Rondinini by Michelangelo). In mystical experience, the Human and the Divine tend to meet through an irrational route (the Satyr of Mazara del Vallo) or through ecstasy (the Ecstasy of Saint Theresa ,by Gian Lorenzo Bernini, Saint Francis by Vittorio Morelli). “In contemporary language” concludes Di Matteo, “Tagliaferri’s figures which are full of humanity (sweet, “sfumato”, carnal, dramatic such as Maternity, the Man who imitates horses), speak to us of the mystery of life.” Also in Prague is The Dancing Satyr of Mazara del Vallo, from the “Conoscere la Forma” (Know Form) project: a perfect copy of the splendid sculpture attributable to Praxiletes, fished out of the Sicilian Channel in 1997. The exhibition offers various intriguing ways of reading the work thanks to the intervention of iGuzzini lighting specialists, in collaboration with the Physics Laboratory of the Istituto Centrale per il Restauro di Roma and with specialist help from the Museo Omero. The well-established collaboration between the Museo Omero and iGuzzini took the “Dancing Satyr” to the Louvre museum in 2007 for the “Praxiletes” exhibition. All the works on show can be explored by touch thanks to the collaboration of the National Gallery of the Exhibition Hall in Prague. Audio and Braille learning aids, created by the SONS (a Czech organization corresponding to the Italian Union of the Blind and Partially Sighted) are also provided.
The exhibition will be inaugurated on 18 November and will run until 31 January 2009: It is promoted by the Italian Embassy in Prague, The Italian Cultural Institute, Prague and by the Museo Tattile Statale Omero which is setting up the exhibition. The following have also contributed to the exhibition: the President of the Marches Regional Council, the committee chairmen of the Marches Regional Council, the Chamber of Commerce of Ancona and the Cerna Hora brewery. The exhibition enjoys the patronage of the Province of Ancona and Ancona City Council. Thanks also go to Lucesole Trasporti, Unipol Assicurazioni and Etna, iGuzzini’s distributor in the Czech Republic. L’Accademia dello Stoccafisso will be organizing a special evening to introduce one of the best traditional dishes of Ancona accompanied by local wines.
COMMENTS: “The Museo Omero is a credit to Ancona“ - commented Ambassador Pigliapoco – “and I am proud to introduce it to Prague. It will be the event of the year and we look forward to welcoming the Minister of Culture of the Czech Republic, the Mayor of Ancona, Fabio Sturani, the director of the Italian Cultural Institute, Umberto Rinaldi and several representatives of Czech and Italian institutions who will be attending the inauguration. Maximum publicity will be given to the event, including special promotion in the schools and academies so that it can be enjoyed not only by the visually handicapped (naturally) but by everyone”.
“The Prague exhibition crowns our efforts to make a unique institution better known.”- says Roberto Farroni, Director of the Museo Omero - “This can only help to increase people’s awareness of the need for barrier-free culture”.

Torna all'elenco  Torna all'elenco
invia questo comunicato stampa  invia questo comunicato stampa
 
PARTITA IVA 01340150356   Sviluppato da CABER Informatica srl
Invio Comunicato Stampa Invio Comunicato Stampa
Invia tramite email il comunicato stampa corrente ad un'altra persona.
All'email puoi inserire anche delle note supplementari che accompagneranno il comunicato.
Chiudi

Destinatario (*)
Note aggiuntive
Mittente (*)

(*) Campi Obbligatori